Questa imponente villa, situata nelle campagne bolognesi, nasce dal recupero di una vecchia casa colonica di cui ha mantenuto fedelmente la sagoma. Il vecchio macero è stato bonificato e trasformato in un delizioso laghetto con pontile.
La caratteristica principale della Villa sono le ampie vetrate su tutto il perimetro, gli spazi aperti e il bianco luminoso che domina su tutti gli ambienti dai muri ai soffitti, dal pavimento alle scale.
Al piano terra troviamo un lungo camino in acciaio inox totalmente in sospensione che troneggia al centro del salone  insieme al braciere, un monolite in cemento bianco realizzato in opera.
Un ponte con parapetti di cristallo si affaccia sul salone del piano terra e collega le due zone notte del primo piano.  Enormi porte basculanti in rovere tinto, dalla linea estremamente pulita, sprovviste sia di telaio che di cornici danno l’accesso ai vari ambienti della casa.
All’ultimo piano è stata realizzata una piccola area relax con sauna su misura.
Da notare il particolare della porta di ingresso realizzata con listoni di legno fossile incastonati nella struttura di ferro.
Una vasca incassata raso pavimento e un box doccia alto quasi 4 m sono gli elementi distintivi del bagno della camera principale al primo piano.
Tutta l’impiantistica della villa è totalmente gestita dalla domotica.